Home Politica Che cosa sta succedendo a Castelnuovo Parano?

Che cosa sta succedendo a Castelnuovo Parano?

di Romina D’Aniello

Il sindaco Renato Rotondo dice che qualcuno “ha preso lucciole per lanterne”, eppure i soliti ben informati sono pronti a giurare che a Castelnuovo Parano tira una “brutta aria”.

Non certamente quella “naturale”, che nel paese contornato dai monti Aurunci, anzi è fina e molto salutare, resa anche bella dai suggestivi scorci del centro storico, ma l’aria politica.

Insomma, i rapporti in seno alla maggioranza, in particolare tra il sindaco e il suo vice, sarebbero già tesi.

La nuova Amministrazione comunale, la seconda guidata da Rotondo, eletto a giugno scorso, con l’appoggio del suo avversario storico, il presidente della XIX Comunità montana di Esperia, Oreste De Bellis, che Rotondo ha poi nominato vice sindaco, sarebbe dunque già in crisi.

E pensare che i falchi non davano all’imprevisto matrimonio che pochi mesi di vita. Molti, però, a iniziare dagli elettori che hanno sonoramente bocciato la proposta del vice sindaco uscente, Mauro Castelli, e soprattutto i sostenitori, speravano che, proprio per dimostrare che insieme sarebbe stato possibile governare il paese, Rotondo e De Bellis sarebbero andati d’amore e d’accordo, o almeno avrebbero trovato un “adattamento”, come nei (migliori) matrimoni.

Il primo cittadino smentisce categoricamente ogni forma di crisi. E all’invito a fare un appello all’unità, risponde che non ce n’è alcun bisogno, dal momento che non c’è nessun dissapore tra lui e i consiglieri.

Bocche cucite anche nella compagine di Oreste De Bellis.

Eppure, la giunta municipale, dopo il Consiglio comunale di insediamento, si è riunita una volta solamente.

Forse si tratta solamente di problemi di “rodaggio”, che incontra ogni matrimonio: forse l’autunno porterà consiglio, sta di fatto che l’estate politica castelnuovese, a dispetto della frescura che caratterizza le sere del borgo medioevale, sembra piuttosto effervescente.