Home Cassinate Bilancio di un anno e propositi per il 2016: Mazzaroppi disegna il...

Bilancio di un anno e propositi per il 2016: Mazzaroppi disegna il futuro di Aquino

Saluto di fine anno del Sindaco di Aquino Libero Mazzaroppi.
Come di consueto, in prossimità della fine dell’anno, rivolgo a tutti i concittadini un affettuoso saluto, augurando ad ognuno di essi e alle loro famiglie di poter dare risposta positiva alle loro aspettative e ai loro bisogni nell’anno che sta per cominciare. Nello stesso tempo, traccio un breve e sommario resoconto dell’attività amministrativa svolta nel corso del 2015, in modo da offrire elementi di conoscenza e di giudizio sull’operato dell’Amministrazione che ho l’onore di guidare.
E’ stata, la nostra, una sfida difficile che, tuttavia, con il passare del tempo, è diventata via via più gratificante. Confesso che quando ho scelto di candidarmi, col sostegno del meraviglioso gruppo di “Aquino nel cuore”, sono stato mosso principalmente dall’esigenza morale e civile di dover contribuire al riscatto sociale, economico e culturale della nostra Città, relegata, nella classifica del tasso di crescita, al terzultimo posto su 91 Comuni della Provincia. Oggi siamo noni! Un risultato esaltante che ci inorgoglisce e ci rafforza nel proponimento di procedere con maggiore energia nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e di progresso della nostra comunità.
D’altronde, dopo 25 anni ininterrotti di attività amministrativa, quale consigliere di maggioranza prima e di opposizione poi, ho avuto modo di conoscere bene le tante disfunzioni e i numerosi e gravi problemi che penalizzano il nostro territorio. Forte di questa consapevolezza e della inadeguatezza con la quale si procedeva nell’attività amministrativa, ho chiesto il consenso agli Aquinati per poter avere l’opportunità e gli strumenti che mi consentissero di affrontare le varie problematiche e di risolverle con coraggio, con determinazione e con efficacia, senza nascondermi dietro l’alibi delle difficoltà finanziarie, ottimizzando tutte le risorse disponibili, e reperendone altre attraverso una stretta e feconda relazione con gli enti sovraordinati.
I dati ed i risultati sono ben evidenti, concreti, e sotto gli occhi di tutti. L’epoca dell’immobilismo e dell’inerzia è finita!
Anche se i trasferimenti dello Stato, come ampiamente noto a tutti, continuano a diminuire sempre più, abbiamo garantito standard molto elevati nei servizi essenziali, specie in quelli destinati a chi soffre, ai bisognosi, alle famiglie in difficoltà e agli anziani, investendo molto sul sociale.
Ignorando gli avvertimenti di chi sottolineava che questo tipo di politica non fosse compatibile con i tempi attuali, noi non abbiamo voluto arretrare di un solo passo, anzi abbiamo rilanciato, potenziando il sostegno con nuovi ed ulteriori interventi e servizi. Il frequente utilizzo dei vouchers sociali, elemento innovativo oggi imitato da molti, ci ha consentito di abbattere sofferenze e di combattere efficacemente i processi di marginalizzazione, nonché di ridare dignità alle persone bisognose. Investire nel sociale è una nostra prerogativa e una priorità assoluta, nella convinzione che essere attenti alle fasce più deboli della popolazione sia un dovere morale e civile soprattutto per chi svolge un ruolo pubblico,
Abbiamo concretamente operato per la piena e sana integrazione dei cittadini stranieri residenti e, con lo Sprar, abbiamo offerto ospitalità a giovani ragazzi che fuggono dal dramma della guerra e della violenza. La Città che ha dato i natali a San Tommaso non può e non deve cedere ai pregiudizi di chi non accetta che la nostra società sia sempre più volta verso la solidarietà e verso un futuro di integrazione.
Aquino è diventata un fervido centro di attività culturali. Il rinnovamento strutturale del nostro Museo cittadino, recentemente intitolato alla presenza del Presidente della Regione Lazio on.le Nicola Zingaretti a Khaled al-Asaad, ha fatto di questa realtà museale un punto di riferimento indiscusso ed apprezzato da turisti, visitatori, studiosi e, finalmente, da studenti e scuole, recuperando il Marchio di Qualità e proponendosi come nucleo fondamentale ed integrante dell’Omr e del Polo Laziale. Il Museo cittadino, grazie all’elevata competenza del nuovo direttore e della conservatrice, e alla continua promozione di iniziative culturali di elevata qualità, rappresenta un fiore all’occhiello della Città e di chi l’amministra. In questa prospettiva, siamo riusciti a dare inizio a una campagna di scavi archeologici che ha fornito ottimi spunti di studio e offerto risultati significativi, in via di approfondimento.
Organizzando e promuovendo eventi e manifestazioni di elevato spessore artistico e scientifico, grazie all’opera incessante dell’Assessorato alla cultura, sono stati organizzati e promossi concerti, mostre, presentazioni di libri e dibattiti che hanno avuto un notevole riscontro di pubblico proveniente anche dai paesi limitrofi.
Numerose sono state anche le iniziative rivolte al mondo giovanile, per impulso dell’Assessorato allo sport e spettacolo, e alla condizione femminile, promosse dall’Assessorato alle pari opportunità. Particolare cura è stata rivolta altresì ai problemi della disabilità.
Sia nel campo dell’urbanistica che in quello dei lavori pubblici abbiamo scelto la strada dell’innovazione. Siamo certi, al di là di qualche pretestuoso dissenso, di aver scelto la strada giusta, perché la meta da raggiungere coincide con il futuro delle generazioni che ci seguiranno, cioè con gli obiettivi ed i sogni dei nostri figli e dei nostri nipoti.
Abbiamo realizzato interventi importanti e significativi nel campo della viabilità, mettendo in sicurezza e bitumando chilometri di arterie stradali sia urbane che periferiche. Abbiamo realizzato una rotonda che ha regolato il flusso del traffico su via Manzoni e rallentato, con l’installazione di dissuasori pedonali, la velocità in prossimità dei principali plessi scolastici.
E’ stata completamente rinnovata gran parte della segnaletica orizzontale e verticale, e molti altri interventi sono in procinto di prendere il via.
L’iter che porterà entro l’anno all’approvazione del Nuovo Piano regolatore procede spedito nel pieno rispetto dei tempi prefissati, mentre per le opere pubbliche non ci siamo limitati alla routine o all’effettuazione di interventi tampone di ordinaria fattura. L’aspetto e la struttura degli edifici scolastici sta cambiando e cambierà radicalmente. La sicurezza dei nostri ragazzi è un nostro obiettivo primario; per questo motivo l’edilizia scolastica è protagonista assoluta degli interventi effettuati e di quelli in programma. Lo stato dell’edificio della Scuola primaria dell’Infanzia N. Mazzaroppi è sotto gli occhi di tutti: all’avanguardia per efficienza energetica e con un nuovo volto. I bambini potranno fruirne già alla ripresa delle attività dopo la pausa natalizia.
Sono stati, inoltre, aggiudicati i lavori previsti per l’edificio della Scuola media per un importo di oltre 700.00,00 euro, e fra non molto andranno in appalto i fondi stanziati da un finanziamento di oltre un milione e trecentomila euro destinato alle Scuole elementari.
E’, finalmente, operativo l’iter dell’ampliamento del Cimitero comunale, del cui ritardo e delle vicende e responsabilità connesse presto faremo chiarezza in tutte le sedi. Finalmente sbloccato è anche l’intervento che prevede la realizzazione della parallela di Via Roma che gli aquinati attendevano da oltre 20 anni.
Il nostro impegno ha consentito di avviare a soluzione definitiva due “lasciti” di grande impatto sociale della “trapassata” amministrazione: il sottopassaggio ferroviario e il cavalcavia dell’aeroporto.
Due “imprese”, due “capolavori” di cui i veri responsabili hanno, maldestramente e inutilmente, tentato di addossarci le colpe. Ebbene, con caparbietà, abbiamo risolto, per lo sconforto di qualcuno, la vicenda degli allagamenti al sottopasso, e a breve risolveremo anche quella del cavalcavia.
Fra non molto, la Chiesa delle Valli sarà completamente ristrutturata, così come rinnoveremo, ampliandola, anche una parte della pubblica illuminazione mediante l’installazione, ovunque, di lampade ad alto risparmio energetico.
L’elenco delle opere realizzate e in via di realizzazione potrebbe continuare, ma mi fermo qui, per non rischiare di diventare eccessivamente prolisso, senza, però, tralasciare di segnalare che abbiamo rinnovato il Trasporto Pubblico Locale, raggiungendo aree di campagna e collegando direttamente la nostra Città con il polo scolastico della Folcara di Cassino.
Comunico, infine, che numerosi i finanziamenti sono stati ottenuti, a costo zero, solo grazie alla nostra capacità progettuale: abbiamo acquistato una nuova autovettura per la Polizia locale, rielaborato percorsi turistici e brochure informative, e organizzato corsi per la sicurezza dei giovani e degli anziani.

L’anno sta per concludersi, e per questo io desidero ricordare e ringraziare tutte le componenti della nostra comunità con cui condividiamo lavoro, gioie, speranze, ansie, critiche.

Esprimo i sensi della mia più viva gratitudine ai rappresentanti delle Istituzioni che guardano con attenzione alle nostre esigenze, al Prefetto, al Comandante e ai nostri Carabinieri per l’impegno costante e per l’opera meritoria con cui assicurano la sicurezza dei cittadini. Un grazie affettuoso e deferente rivolgo al nostro Vescovo, al Parroco e a quanti sono impegnati negli organismi parrocchiali per il lavoro prezioso e la missione che svolgono ed al mondo della scuola aquinate nella sua interezza.

Ringrazio tutti i dipendenti comunali che con professionalità hanno dato e danno operatività alle nostre linee di indirizzo.
Un grazie sincero rivolgo al Consiglio Comunale nella sua interezza, per il costruttivo contributo offerto allo svolgimento della discussione amministrativa, e a tutti i membri della Giunta per l’operosa e proficua collaborazione.
Un ringraziamento, infine, esprimo alla stampa, sempre attenta alle nostre iniziative, e a TeleUniverso, per l’efficacia, la puntualità e la qualità con cui svolge il suo compito informativo.

Spero che il 2016 sia, per noi amministratori, un anno che ci consentirà di interpretare le grandi trasformazioni in atto e di saper elaborare e attuare proposte efficaci in favore della collettività e del bene comune.
libero mazzaroppi