Home News Tajani ai sindaci europei riuniti a Coreno: “Unitevi per essere ascoltati meglio...

    Tajani ai sindaci europei riuniti a Coreno: “Unitevi per essere ascoltati meglio a Bruxelles”

    “I piccoli comuni creino forme consorziate per riuscire ad avere un contatto operativo con Bruxelles, per recepire i bandi e le opportunità che nascono in seno all’Unione Europea”. E’ il consiglio che il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, ha dato ai sindaci riuniti nella gremitissima sala consiliare del comune di Coreno, in occasione della conferenza organizzata in collaborazione con il Consiglio regionale del Lazio “L’Europa dei Comuni”. Oltre i primi cittadini di diversi comuni del Cassinate e della Provincia di Frosinone, hanno presenziato l’incontro anche il consigliere regionale Mario Abbruzzese e molti sindaci della provincia di Latina e  di altre province e gli operatori del distretto industriale del marmo Perlato Royal Coreno. Ospiti d’eccezione i sindaci Vanco Stojanov del comune di Vasilevo (Macedonia), Emil Iliev del comune di Strumyani (Bulgaria) e Anne Marie Muscat Fenech Adami del comune di Naxxar (Malta). Moltissime le autorità istituzionali e militari presenti, tra cui il questore Santarelli, il vice questore Tocco e i comandanti delle stazioni dei Carabinieri di Ausonia, Patrizio, e di S. Giorgio De Angelis. Padrone di casa il sindaco di Coreno, Domenico Corte, che, venerdì ha accolto i colleghi europei a Roma e con loro ha incontrato l’ambasciatore della Repubblica di Macedonia, Oliver Shambevski. Corte nel suo intervento ha focalizzato l’attenzione su due aspetti: la necessità che l’Europa sia consapevole che gli enti locali sono il front office di tutti i problemi dei cittadini e che quindi siano messi in condizione di operare in un dialogo costante e quotidiano con Bruxelles e, per Coreno, la richiesta di maggiore attenzione alla valorizzazione del pregiato marmo.

    “Usate il Comitato per le Regioni – ha ribadito il presidente Tajani, che ha parlato più in generale dei grandi temi che attendono l’Europa, cioè disoccupazione, immigrazione e terrorismo – al cui interno sono rappresentati anche i comuni: è un organo fondamentale per trasmettere a Bruxelles le vostre esigenze. Il gemellaggio, inoltre, che può riguardare anche più comuni insieme, è un’ottima formula per mettere in collegamento culture, persone, economie  e industrie”, ha concluso, dichiarando la propria disponibilità per il futuro.

    Infine, foto di rito al centro della piazza Umberto I, presidiata dall’Associazione Carabinieri di Cassino e sottosezione di Ausonia, dove, qualche ora prima, era stata consegnata alla cittadinanza la scultura in marmo di Coreno che abbellisce la rotatoria.

    tajani2