Potare il basilico: come e quando farlo per avere un buon raccolto

Anche potare il basilico è una forma d’arte, un dettaglio che non va mai lasciato al caso specialmente quando il nostro desiderio è quello di fare crescere la pianta nel modo giusto e avere un raccolto rigoglioso. La sua potatura può sembrare qualcosa di complicato ma in realtà non è cosi. Partiamo dal presupposto che si tratta di una pianta che ama il sole e il calore e quindi nel periodo relativo all’estate si trova nel suo ambiente naturale, ma può essere coltivato anche in primavera e in autunno.

Basilico
Basilico

Ad ogni modo, potare il basilico come prima cosa richiede l’uso delle forbici che siano bene affilate e pulite cosi da evitare di danneggiare la pianta o magari trasmettere malattie, fatto questo i passaggi da seguire sono:

  1. Potare dalla cima verso il basso, seguendo la direzione di crescita della pianta.
  2. Tagliare sempre sopra una foglia o una coppia di foglie, lasciando almeno due o tre paia di foglie sulla pianta.
  3. Effettuare tagli netti e obliqui per favorire la cicatrizzazione e la formazione di nuovi germogli.
  4. Per evitare di indebolirla troppo, non dovrai mai tagliare più di un terzo della pianta per volta.
  5. Potare con una certa frequenza, almeno una volta al mese, per mantenere la pianta in forma e stimolare la produzione di nuove foglie fresche e profumate.

Per avere dei risultati sempre migliori è importante fare dei tagli sul basilico e infatti questa pianta ha una crescita verticale con uno o più steli e la potatura deve essere di due tipi:

Potatura di formazione: avviene quando la pianta è giovane ed ha poche foglie, il consiglio è quello di eseguire una potatura leggera per potere dare la giusta forma, si deve per cui tagliare la cima della pianta sopra una coppia di foglie per poi ripetere l’operazione anche sulle parti laterali.

Potatura di mantenimento: nel momento in cui la pianta è davvero sviluppata ed ha molte foglie, questa potatura serve per regalare un nuovo rinnovamento e favorire la produzione di foglie fresche e quindi tagliare i rami laterali cosi da stimolare la formazione di nuovi germogli e anche di foglie.

Per quello che poi riguarda la potatura nel vaso, ci sono degli accorgimenti aggiuntivi quali:

  1. Potare almeno una volta ogni due settimane cosi da potere fare in modo che la pianta non sia troppo grande e fare in modo che ci sia la produzione delle foglie.
  2. Tagliare con maggiore cura, facendo in modo di lasciare i monconi che potrebbero marcire e infettare la pianta
  3. Prestare attenzione alle radici, trovando anche il modo di non danneggiarle o di strappare le foglie.
POTREBBE INTERESSARTI