Come pulire il parquet: cosa fare e cosa non – Non puoi non saperlo

Come pulire il parquet senza rovinare il legno e senza lasciare aloni e strisce? Questa è una domanda molto ricorrente per chi ha in casa questa tipologia di pavimento. Ci sono dei suggerimenti sul cosa fare e cosa non che ti cambiano letteralmente il modo di pulire. Vediamo qui come trattare il parquet e con pulirlo in modo perfetto senza fare troppa fatica.

Il parquet è un pavimento in legno che è molto apprezzato e preferito soprattutto per le stanze della zona notte. Questa tipologia di pavimento ha bisogno di manutenzione costante affinché non si rovini. Non tutto può essere utilizzato per la pulizia del parquet, perché necessita di prodotti specifici e strumenti adatti.

Come pulire il parquet: trucchi e cosa fare e cosa non

Il legno è un materiale molto delicato che richiede degli accorgimenti specifici per la sua pulizia. Il parquet dunque è molto poroso e trattiene ed assorbe l’umidità, per tale ragione richiede che venga pulito con poca acqua. Per quanto possa sembrare complicato però la sua pulizia è semplice. Vediamo come pulire il parquet in modo ottimale.

Come pulire il parquet: cosa fare e cosa non - Non puoi non saperlo

Oltre ai vari strumenti disponibili come stracci per catturare la polvere, panni in microfibra e aspirapolvere automatici, per mantenere un parquet pulito ed efficiente è consigliabile utilizzare detergenti appositamente formulati per questo tipo di pavimento o anche un sapone neutro come quello di Marsiglia.

I panni cattura polvere sono utili non solo per eliminare lo strato di polvere che si accumula sul parquet, ma quelli progettati per i pavimenti in legno hanno anche la capacità di nutrire e lucidare le fibre grazie alla presenza di cera d’api. Anche i panni universali possono essere efficaci, purché siano delicati sulla superficie del legno.

Come alternativa ai panni elettrostatici per una pulizia regolare, i robot aspirapolvere sono una valida opzione, ma è importante assicurarsi che non abbiano una spazzola centrale che potrebbe danneggiare il pavimento in legno. È preferibile optare per un modello dotato di una bocchetta di aspirazione che non tocchi direttamente il pavimento.

Per lavare il parquet, è necessario utilizzare un panno umido e ben strizzato in modo che sia leggermente inumidito. I migliori sono quelli in microfibra, in grado di assorbire la giusta quantità d’acqua e di non lasciare aloni. In alternativa, ci sono panni già imbevuti appositamente studiati per il parquet, che non richiedono risciacquo.

 

POTREBBE INTERESSARTI