Home Eventi Un’altra via per ricordare il maresciallo dell’Esercito ucciso a Nassyria

Un’altra via per ricordare il maresciallo dell’Esercito ucciso a Nassyria

Il Comune di Ferentino rende omaggio ad un eroe della pace e della libertà, nel dodicesimo anniversario della scomparsa. Il 21 gennaio 2005, infatti, il Maresciallo capo dell’Esercito Italiano Simone Cola, impegnato nell’Operazione Antica Babilonia in Iraq, rimaneva vittima della strage di Nassyria.

Già l’Amministrazione comunale aveva intitolato al maresciallo la scuola primaria del I Istituto comprensivo, ora aggiunge anche quella di una diramazione dell’attuale via Casilina nord, nel quartiere di Pontegrande.

La cerimonia è in programma questa mattina alle ore 10,30 e prevede l’intervento della autorità civili e militari, lo scoprimento e la benedizione della targa, l’esposizione del Comando Aviazione Esercito del 1° Reggimento di sostegno AVES “Idra”. E’ previsto anche un annullo filatelico speciale per l’evento.

“Simone Cola è una eroe della città di Ferentino – ha dichiarato il sindaco Antonio Pompeo – scomparso in Iraq per affermare i valori della pace e della democrazia. Per ricordarlo, abbiamo deciso di intitolargli una via, in zona Casilina Nord. Un ringraziamento a tutte le autorità civili e religiose, all’Esercito italiano, alle associazioni, alle istituzioni scolastiche, al Comitato Pontegrande e alla comunità tutta e a quanti hanno contribuito alla realizzazione di un evento, al quale invito la cittadinanza a partecipare”.