In cucina con Luca Pappagallo: cavolo cappuccio gratinato

Il procedimento per preparare il cavolo ripieno in besciamella inizia con la divisione del cavolo in quattro parti, mantenendo la parte del gambo per evitare che i pezzi si disfino durante la cottura. Successivamente, i pezzi vengono lessati in acqua bollente salata per 10-15 minuti fino a quando risultano teneri. Una volta cotti, il cavolo viene scolato e immerso in acqua ghiacciata per interrompere la cottura e raffreddare rapidamente il cavolo.

Dopo il raffreddamento, si procede eliminando le parti del gambo e tagliando il cavolo a fette non troppo sottili, facendo attenzione a far scolare bene l’acqua di ammollo. Nel frattempo, si prepara la besciamella sciogliendo il burro in una casseruola, aggiungendo la farina e lasciando tostare per qualche minuto a fuoco moderato. Successivamente si aggiunge il latte, regolando di sale e insaporendo con noce moscata e pepe bianco.

Dopo aver ottenuto una besciamella morbida, si incorpora un tuorlo d’uovo e del parmigiano grattugiato, mescolando bene e tenendo da parte. Il cavolo preparato viene quindi unito alla besciamella e alla scamorza tagliata a dadini, mescolando il tutto. Il composto viene trasferito in una pirofila imburrata e cosparsa di pangrattato, aggiungendo parmigiano grattugiato e scamorza a cubetti sulla superficie.

Il cavolo ripieno viene infine cotto in forno statico preriscaldato a 200°C per 20-25 minuti, fino a quando risulta dorato. Dopo la cottura, si lascia intiepidire il cavolo ripieno prima di servire, garantendo che tutti gli ingredienti si amalgamino bene e che il piatto mantenga tutta la sua bontà. La combinazione di cavolo, besciamella e formaggio rende questo piatto un’opzione deliziosa e appagante per un pasto ricco e saporito. Buon appetito!
Le ricette sono pubblicate quotidianamente sul Canale Ricette “Il Tarantino”.

Approfondimenti

Ricette del Convento
Ricette a Tavola con Csaba
Ricette Fatto in casa per Voi
Ricette Giusina in Cucina
Ricette Luca Pappagallo
Ricette Cucina Economica
Ricette Uno Chef in fattoria

POTREBBE INTERESSARTI