Home Cronaca Cani avvelenati ad Esperia: verifiche in corso

Cani avvelenati ad Esperia: verifiche in corso

Quattro cani avvelenati a Badia di Esperia. Tre di loro sono dispersi: sono in corso le ricerche.

Intervenuti in località Vernesca, dopo la segnalazione di alcuni cittadini, i Carabinieri della Compagnia di Pontecorvo e i medici veterinari dell’Asl.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, mani ignote – se non si deve pensare a qualche altra accidentalità – avrebbero avvelenato due cani randagi e altri due di proprietà di una famiglia della popolosa frazione di Esperia. Forse l’obiettivo erano i primi due, due cuccioli abbandonati che avevano sollecitato la pietà di molti abitanti della zona, che volentieri portavano loro del cibo.

Forse l’obiettivo erano solo quei due poveri cuccioli, ma, – probabilmente – sono stati colpiti dal veleno anche gli altri due, per qualche contatto.

Uno dei cani è stato ritrovato vivo, in preda al vomito. Proprio questo ha fatto scattare l’allarme: mentre si pensa il peggio sulla sorte degli altri tre cuccioli, l’analisi del materiale organico espulso da questo permetterà agli esperti di capire di quale tipo di veleno si tratta.

Il personale veterinario dell’Asl ha già provveduto, infatti, a inviare il cane a un centro specializzato di Firenze: una volta eseguite le analisi, la vicenda sarà segnalata alla Procura della Repubblica.

Esperia come territorio in cui vengono abbandonati cani o intere cucciolate, anche per la vastità del comune, è una cronaca che abbiamo raccontato spesso, specialmente nel periodo estivo, ma questo gesto, dell’avvelenamento dei quattro cuccioli, ha scosso particolarmente le coscienze degli abitanti, che non hanno esitato a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

rda