Home Valle dei Santi Giù le mani dal Consultorio di Ausonia: avanza lo spettro del ridimensionamento

Giù le mani dal Consultorio di Ausonia: avanza lo spettro del ridimensionamento

Uniti per la difesa del Consultorio socio-familiare di Ausonia: è bastata una “voce di corridoio”, un sospetto circa il ridimensionamento dell’ente, perché gli amministratori comunali di Ausonia, Castelnuovo Parano, Coreno Ausonio, e Spigno Saturnio e la XIX Comunità Montana di Esperia si organizzassero per proteggere l’importante struttura socio-sanitaria, da decenni punto di riferimento per un territorio ben più vasto di quello immediatamente vicino.

I rappresentanti dei Comuni più direttamente “serviti” dal consultorio e il responsabile dell’Unità operativa Consultori” di Cassino, dottor Canzano si sono confrontati lunedì intorno al tavolo promosso dal consigliere comunale delegato alle politiche sociali di Ausonia, Emanuel Stabile, per sottolineare la rilevanza dei servizi attuali garantiti dal consultorio e proporre nuovi progetti da mettere a disposizione dell’intero territorio.

“Ho voluto coinvolgere i Comuni limitrofi perché da tempo abbiamo adottato una serie di iniziative  e collaborazioni condivise con enti pubblici e privati, con l’intento di costruire reti e sinergie che consentano una migliore fruizione dei servizi socio – assistenziali.  A tal proposito, va evidenziato  come il Consultorio socio-familiare di Ausonia rappresenta un patrimonio prezioso  sia per l’esperienza accumulata dell’equipe  che vi lavoro sia per le ragioni di fondo della sua esistenza: non è assolutamente un residuo del passato, ma la base per un futuro volto a tutelare e promuovere la salute di un intero territorio”.

Collettore di un bacino di utenza di almeno dieci comuni delle province di Frosinone e di Latina e di altri cinque della provincia di Caserta per il protocollo Gil delle adozioni, il consultorio di Ausonia è anche l’unico centro per la mediazione familiare. E per l’Asl è a costo zero, dal momento che sorge in comodato gratuito a tempo indeterminato in locali del Comune di Ausonia, ed è il Comune a farsi carico del pagamento delle bollette per le utenze.

Preoccupazioni che hanno trovato d’accordo il presidente della Comunità Montana Oreste De Bellis, il vice sindaco di Coreno Francesco Lavalle e la delegata Rosaria Fresta del Comune di Spigno, la quale ha puntualizzato che sono disposti anche a potenziare i collegamenti con i mezzi pubblici al fine di migliorare il servizio per i cittadini.

Il dottor Canzano, di cui Stabile ha apprezzato la disponibilità, ha riconosciuto il ruolo fondamentale svolto dalla struttura nell’ambito territoriale, soprattutto in riferimento alla promozione e alla tutela della salute della donna, del bambino, della coppia e della famiglia, avvalendosi di diverse figure professionali, e ha spiegato che per implementare eventuali nuovi servizi bisogna far riferimento ai vertici dell’azienda sanitaria.

I rappresentanti dei Comuni, al termine della riunione, hanno deciso quindi di scrivere direttamente al Direttore Generale dell’Asl di Frosinone, per presentargli una bozza di proposte puntuali e decise che saranno innanzitutto a costo zero per l’azienda sanitaria.