Home Frusinate Il lago di Canterno conquista l’Uncem Lazio

Il lago di Canterno conquista l’Uncem Lazio

“Esprimo grande soddisfazione per i risultati delle analisi che la “Goletta dei Laghi” di Legambiente ha divulgato nei giorni scorsi. Quelle analisi, se devono allarmare tutti noi perché rappresentano una situazione degli splendidi laghi del Lazio oltre i limiti della
tollerabilità ambientale a causa delle scarse depurazioni degli scarichi, “salvano” il nostro lago di Canterno, a quanto pare l’unico che non presenta delle criticità allarmanti sotto il profilo
dell’inquinamento. La nostra Comunità Montana ha investito molto sulla riserva naturale di Canterno, credendo decisamente sulle potenzialità di quell’oasi naturale. Un pensiero speciale deve andare al compianto Paolo Coladarci che per proteggere la salute di Canterno arrivò anche a compiere atti clamorosi e costrinse le autorità a rendere efficace la depurazione.

Mi sento di ringraziare la Camera di Commercio di Frosinone, nella figura del suo presidente Marcello Pigliacelli, perché convintamente attiva nella promozione dei territori, ora con l’iniziativa dei Cammini che in gran parte si dipanano nel territorio della nostra Comunità Montana e che hanno lo scopo, non solo filantropico, di promuovere quelle potenzialità che possono fare la differenza nella strenua lotta per il rilancio dello sviluppo economico.

Mi complimento inoltre con gli imprenditori e i professionisti che nei giorni scorsi hanno lanciato la bella impresa del Gelato degli Ernici. Un’idea che travalica, com’è nell’evidenza, la produzione di un prodotto originale e genuino. La scelta di una sede quale la piazzette
di Trivigliano per dare origine a un percorso che si figura vasto, è la dichiarata opzione di territorio quale valore aggiunto della fantasia e della maestria imprenditoriale e artigianale dove l’olio locale e il latte di capra sono simboli chiarissimi della sapienza antica del mestiere delle nostre genti.

Colgo, in sintesi, una congiuntura positiva se non altro nel “pensiero” di una Ciociaria che mette a regime le sue capacità e le sue risorse. Segnali, questi, che vanno intercettati in tutta la loro valenza positiva e che chi, come me, ha responsabilità di governo del territorio, ha il dovere di supportare come possibile. Parimenti esorto ogni livello istituzionale di competenza a considerarli e ad agire, in una sintonia collaborativa, affinché si crei una vera governance che si contraddistingua soprattutto per efficacia e tempestività. Credo sia il caso di sottolineare quale ricchezza e quali opportunità il nostro territorio costituisce, per se stesso e per un comprensorio assai più vasto”.

Lo afferma il Presidente della Comunità Montanta del Monti Ernici
e Presidente dell’Uncem Lazio

Achille Bellucci