Home Cronaca Ferentino, il Sindaco dopo il ciclone-arresti: “Non siamo la città della camorra”....

Ferentino, il Sindaco dopo il ciclone-arresti: “Non siamo la città della camorra”. E rivede gli assetti di Giunta

Un momento della Conferenza stampa

“Nei momenti di difficoltà il sindaco deve assumersi la massima responsabilità e agire per traghettare la città dalle innegabili qualità, dalla storia millenaria, e abituata ad avere un’amministrazione molto efficiente, per uscire dalla situazione difficile”.

Così il sindaco di Ferentino Antonio Pompeo durante la conferenza stampa convocata per fare chiarezza in merito alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto la sua città e culminate con l’arresto di un assessore ed un ex assessore in merito al project per l’ampliamento del cimitero comunale.

“Come tutta la città, anche l’amministrazione comunale vuole che venga fatta chiarezza. Per questo ci affidiamo alla magistratura. “Faccia il suo corso”, non è una semplice frase di circostanza, ma è la richiesta che la verità emerga in maniera trasparente. Sono io a volerlo per primo, così da fugare ogni minimo sospetto”.

“Sull’iter del project, siamo più che sereni: da parte degli uffici ci sono giunte tutte le rassicurazioni, anche a seguito di un’indagine interna che ho personalmente richiesto.  Ecco perché abbiamo voluto che andasse avanti il progetto nell’ultimo Consiglio. Perché non abbiamo nulla da nascondere. Tra l’altro abbiamo provveduto a trasmettere tutta la documentazione all’Anac”.

“Ho convocato questa conferenza stampa per chiedere agli organi di informazione di aiutarci nel veicolare questo messaggio di trasparenza: Ferentino non è la città della camorra e se c’è qualcuno che si è discostato da quello che è un valore che ho sempre voluto mettere al centro del mio impegno politico, ossia l’onesta, sarà la magistratura ad accertarlo. Per tali motivi chiedo rispetto per Ferentino e per la mia persona”.

“Ho deciso di dare anche un segnale politico importante, quello di rivedere gli assetti della giunta e tenere per me le deleghe più sensibili, lavori pubblici e urbanistica. Voglio essere il garante, per la città e per i cittadini che mi hanno confermato sindaco con oltre il 65% dei consensi a giugno scorso, della trasparenza e del rispetto della legalità assoluta e rilanciare l’impegno per lo sviluppo.

Comunico anche il nome del nuovo assessore, Franco Martini che avrà le deleghe al bilancio, sanità, patrimonio e tributi e ulteriori deleghe sono state assegnate a Massimo Gargani: personale, affari generali, traffico e viabilità. Voglio ringraziare anche Andrea valenti Martinez per il lavoro svolto”.

“L’amministrazione comunale va avanti, convinta, trasparente, onesta. Abbiamo come riferimento l’impegno assunto con i cittadini, il programma presentato, le tante cose da realizzare. Questa è la Ferentino che va raccontata”.