Home Cassino Il sindaco di Cassino in visita al Consorzio di bonifica “Valle del...

Il sindaco di Cassino in visita al Consorzio di bonifica “Valle del Liri”

Il presidente Pasquale Ciacciarelli, il vice presidente Walter Corsetti, i consiglieri Giuseppe ed Antonio Trelle, Antonio Marandola, Carlo Ferdinandi e Sergio Marsella, il direttore Remo Marandola e tutto il personale del Consorzio di Bonifica Valle del Liri di Cassino hanno accolto il sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro nella visita istituzionale che ha effettuato nella sede consortile.

Dopo i saluti di rito, il presidente Ciacciarelli ha illustrato le attività del Valle del Liri sul territorio, gli obiettivi raggiunti e quelli programmati.

In particolare ha evidenziato “l’importanza per il nostro ente di avere rapporti privilegiati con i sindaci ed i comuni del territorio. Infatti il Valle del Liri si propone come braccio operativo dei comuni nella prevenzione idrogeologica del Comprensorio ed il comune di Cassino è naturalmente un partner prioritario. Con esso è stata stipulata una particolare convenzione, come avvenuto anche per qualche altro comune, con la quale ci viene affidato un programma di manutenzione del territorio comunale periferico. Uno dei più grandi problemi del Consorzio è il costo dell’energia elettrica e per questo abbiamo realizzato 4 impianti di produzione elettrica da fonte fotovoltaica. Ma abbiamo in itinere anche progetti per la produzione di tipo idroelettrica. Cassino è la città dell’acqua e non è tollerabile che questa importante e vitale risorsa pubblica venga utilizzata prioritariamente dai privati. Auspichiamo che presto il Valle del Liri possa utilizzare i salti dei corsi d’acqua per realizzare progetti di produzione idroelettrica ad impatto zero e ridurre, così, il costo della bolletta energetica del nostro ente e, quindi, dei consorziati. Siamo certi che la collaborazione con il Comune di Cassino possa progredire sulla strada intrapresa ed anche intensificarsi con varie iniziative, come la collaborazione nei casi di allerta meteo, nei progetti di gestione dell’emergenza e, se possibile, anche con la riattivazione nella nostra sede dello sportello catastale per il pubblico. Invito inoltre il sindaco D’Alessandro e l’Amministrazione Comunale a programmare anche iniziative di promozione e tutela agricola, ad esempio ripristinando in comune uno specifico Ufficio Agricoltura”.

Dal canto suo, il sindaco D’Alessandro ha innanzitutto evidenziato “l’importanza del consorzio sul territorio perché assicurare la tutela idrogeologica ed il servizio di irrigazione per gli agricoltori. Ritengo la manutenzione il nostro cavallo di battaglia amministrativa. Per questo è fondamentale, anche nell’interesse della qualità della vita dei nostri cittadini, dare impulso alla collaborazione tra i nostri enti, nel solco della convenzione già esistente, assicurando una manutenzione costante e qualificata del territorio comunale. So che ci sono altre emergenze sul nostro territorio, come la frana lungo via San Bartolomeo, sulla quale bisogna intervenire al più presto ottenendo un finanziamento dalla Regione Lazio”

Poi ha aggiunto che “per superare la crisi economica e favorire la crescita di un territorio è essenziale difendere la sopravvivenza e la funzionalità delle istituzioni in esso esistenti; come il Consorzio Valle del Liri, che ha dimostrato in questi anni di essere efficiente ed operativo su un bacino idrografico omogeneo e razionale. Per questo, a sua difesa, provvederò a breve a prendere una posizione ufficiale dell’Amministrazione Comunale”.

Per quanto riguarda, infine, la gestione della risorsa acqua, D’Alessandro ha precisato che “su di essa va fatta una battaglia comune per farla diventare produttiva nell’interesse dei cittadini”.

Successivamente, è stato proiettato un filmato che sintetizza l’attività istituzionale svolta dal Valle del liri sul Comprensorio consortile e subito dopo il presidente ha donato al sindaco D’Alessandro un crest ed una maglietta con il logo del Consorzio, due libri sulla storia dell’ente e la cartella commemorativa del 65° anniversario di fondazione, che risale al 1950.