Home Cassino Fca Cassino presenta Giulia: open day tra innovazione e nostalgia

Fca Cassino presenta Giulia: open day tra innovazione e nostalgia

di ALESSANDRA PARENTE
“Qualunque cosa un uomo immagini, la può costruire”.

Questo celebre pensiero di Jules Verne è il motto scelto da FCA per accompagnare il percorso di costruzione dell’ultima creatura dello stabilimento di Cassino: la Giulia targata Alfa Romeo.

E l’open day di ieri, 24 settembre, ribattezzato “family day” dall’azienda, con un sapore a metà tra l’innovativo ed il nostalgico, ha avuto proprio questo obiettivo; far conoscere lo stabilimento e le sue vetture alle famiglie, per comprendere meglio il complesso mondo dell’ automobile e ancor di più di una multinazionale dal fatturato a molti zeri.

Così nel percorso che ha indirizzato i numerosissimi visitatori tra i vari reparti, visitando l’unità destinata alla lastratura, per arrivare a quella dedicata al montaggio, il lato umano è stato certamente quello più interessante di tutto il cammino. E non per i tanti bambini che hanno colorato con le loro risate e i molti giochi un ambiente di per se “asettico”, come è normalmente una fabbrica, seppur è bello vedere tanti piccoli adulti del futuro, alla faccia della Lorenzin e del suo fertility day!

fiat-4 fiat fiat3
Ciò che più rimane impresso nella visita allo stabilimento FCA è lo sguardo dei tanti visitatori, delle famiglie dei molti dipendenti. Vedere nonni e nipoti, genitori e figli che percorrono insieme quella strada è un colpo al cuore, c’è lo stupore di chi la fabbrica la ricordava o se la immaginava diversamente, c’è la malinconia di chi ricorda un tempo perduto, c’è la fierezza di chi operaio di un tempo ora vede suo figlio lavorare in quella stessa fabbrica, come operaio o come ingegnere, non importa.

Sono sguardi uniti tutti da un filo indissolubile: la dignità che il lavoro è in grado di dare ad ogni essere umano.

E anche se la catena di montaggio per molti versi non è più quella di 30 anni fa, anche se oggi le macchine fanno molto del lavoro un tempo svolto dagli operai, il senso di presente e di futuro che si respira in una fabbrica è qualcosa di sorprendente ed interessante.