Celebrata la Giornata della Memoria nell’istituto comprensivo di Esperia

Celebrata ieri la Giornata della Memoria nell’Istituto comprensivo di Esperia. La preside, professoressa Maria Parisina Giuliano, ha seguito personalmente le riflessioni sull’Olocausto degli alunni delle scuole di Esperia, Ausonia e Coreno. Una lunga “marcia della memoria” che si è avvalsa della collaborazione del professor Michele Colozzi.

Ad Esperia, con il coordinamento della professoressa Gabriella Vacca, il coro di alunni diretto dal professor Palmigiani ha introdotto le letture dal Diario di Anna Frank, dal “Il ghetto: una falsa illusione” di Wiesel, dalla poesia di Evtusenko e ha ritmato la presentazione degli elaborati svolti dai ragazzi.

Ad Ausonia, intanto, gli alunni della terza B, con l’accompagnamento musicale della professoressa Marisa Zangrossi e il coordinamento della professoressa Stefania Macari, hanno presentato i loro lavori, artistici, narrativi, teatrali, grafici e di ricerca.

A Coreno Ausonio, infine, il dibattito si è concentrato sulle testimonianze: mentre alcuni alunni, diretti dal professor Pontarelli, hanno eseguito al fluato le canzoni entrate ormai a far parte dei simboli della memoria, i loro compagni hanno presentato lavori artistici e di ricerca su testi letterari, vicende e poesie, eseguiti nei giorni scorsi. Uno spazio è stato dedicato al libro di Romina D’Aniello “La bambina che non sapeva giocare”, un romanzo biografico ambientato nel periodo del passaggio della seconda guerra mondiale sulla linea Gustav.

“Abbiamo voluto fortemente la celebrazione di questa giornata  – ha affermato il dirigente scolastico Maria Parisina Giuliano – perché riteniamo che ricordare sia fondamentale e la scuola deve farsi carico di trasmettere il valore della memoria quale “filo” necessario tra le generazioni, per evitare che vergogne come la shoah si ripetano”.

Presenti i sindaci e gli amministratori comunali dei tre paese, oltre che i baby sindaci dei Consigli comunali dei bambini.

Post Author: redazione