Aggredisce l’amante della moglie con una spranga di ferro

Ieri, i Carabinieri della Stazione di Sant’Apollinare, a conclusione di attività info-investigativa relativa a un’aggressione patita da un 33enne residente nella Valle dei Santi alcuni giorni fa, hanno denunciato in stato di libertà per “lesioni personali dolose e minaccia grave mediante arma impropria” un 37enne di Minturno, già censito per i reati di danneggiamento, violazione di sigilli e abbandono di animali.

In particolare, l’uomo  aveva aggredito il 33enne dopo essere venuto a conoscenza di una presunta relazione extraconiugale di quest’ultimo con la propria moglie e per tale motivo si era recato presso la sua abitazione minacciandolo di morte e colpendolo con una spranga di ferro, tanto da procurargli lesioni giudicate guaribili in giorni sei dai sanitari del Pronto Soccorso dell’ospedale di Cassino a cui aveva fatto ricorso per le cure del caso. L’aggressore, inoltre, nell’andare via, aveva sfogato la sua rabbia infrangendo il parabrezza dell’autovettura di un parente della vittima parcheggiata nelle vicinanze.

Nonostante le ferite riportate e le minacce ricevute, la vittima, per timore di successive ripercussioni, non aveva formalizzato nessuna denuncia, ma nonostante ciò i militari operanti, al termine degli accertamenti e grazie anche al contributo di alcune testimonianze acquisite, riuscivano ad indentificare l’aggressore e stante la procedibilità d’ufficio, lo stesso veniva denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino. Ricorrendone i presupposti di legge, il 37enne veniva anche proposto per l’allontanamento con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno in quel Comune per un periodo di anni tre.

Post Author: redazione