Futuro sostenibile per il lago di Paola: via libera alle barche elettriche

La sostenibilità ambientale come fulcro del nuovo piano di sviluppo per il Lago di Sabaudia. Mentre proseguono in maniera positiva le verifiche tecniche della Federazione Internazionale di Canottaggio, l’Azienda Vallicola del Lago di Paola, impresa ittica fin dall’epoca pontificia, ha sviluppato un nuovo piano economico e gestionale, in collaborazione con partnerautorevoli sia del settore della pesca sia della nautica elettrica.

Il futuro non è solamente la conservazione del paesaggio e la tutela dell’ambiente – obiettivi irrinunciabili alla luce delle sfide mondiali lanciate a seguito dei cambiamenti climatici – ma anche il volano per la crescita dell’economia del territorio e la valorizzazione delle aree protette. La collaborazione tra pubblico e privato trova l’Azienda Vallicola del Lago di Paola impegnata con il Comune di Sabaudiaa realizzare il “Manifesto di intenti del Contratto di Lago”quale strumento di programmazione strategica e negoziata che sarà sottoscritto nei prossimi mesi da tutti i soggetti coinvolti.

Ancora più interessante è la collaborazione nata nell’ultimo mese con Assonautica Acque Interne Lazio e Teverefinalizzata alla creazione di un Centro Studi Acque Interneper l’Innovazione e lo Sviluppo sostenibile, la promozione degli Sport Acquatici, della Pesca ricreativa, della Pesca turismo, del Turismo sostenibile, dell’Economia del Mare e delle Acque Interne, delle Eccellenze del Territorio, artistiche, culturali, museali, enogastronomiche, artigianali e turistiche, e per attuare una innovativa strategia condivisa di collaborazione allo sviluppo della nautica da diporto e del turismo nelle acque interne, attraverso la diffusione del “sistema del made in Italy”, per sostenere ed incrementare lo scambio interculturale, tecnico e scientifico per garantire la tutela del patrimonio naturale, ambientale, paesaggistico, culturale, turistico e archeologico delle città, dei borghi e dei rispettivi territori lambiti dal lago, e in generale delle acque interne, in Italia e in Europa.

Il Protocollo di Intesaavviato tra Azienda Vallicola del Lago di Paola e Assonautica Acque Interne Lazio e Tevere porterà alla riapertura dell’Istituto di Idrobiologia e Acquacoltura “Gustavo Brunelli”costituito nel 1978, alla fruizione del bacino attraverso con barche a motore elettrico, alla collaborazione con le scuole e gli istituti professionali mirata alla formazione di giovani per garantire uno sviluppo dell’economia del territorio che avvenga nel rispetto della legalità.

Come spiega Pietro Orlando, Presidente Assonautica Lazio e Tevere: «La collaborazione con l’Azienda Vallicola del Lago di Paola è l’occasione per realizzare un centro studi interamente dedicato alle acque interne, sviluppare e creare progetti per la riqualificazione ambientale, realizzare il contratto di Lago e far crescere il turismo sostenibile tra lago e mare e terra. Stiamo pensando ad un primo progetto pilota all’interno del Parco del Circeo, organizzando una regata dal Lago di Paola sino porto di Terracina. Importante sarà integrare anche i contratti di fiume Cavata, Ufente e Amaseno, coinvolgere in questa rotta di sviluppo anche le isole pontine. Infine, nel rispetto della storia dell’azienda Vallicola e della sua valenza economica, si potranno mettere in campo soluzioni innovative e sostenibili proprio nell’ambito della pesca soprattutto in acque interne».

L ’Azienda Vallicola insieme ai partner, tra cui Ittica Lago di Paola, parteciperà infatti ai bandi pubblici per il finanziamento delle valli da pesca e delle relative strutture al fine di ripristinare la funzionalità del Lago di Paola gravemente compromessa dai numerosi tentativi di speculazione in tutta l’area del Parco Nazionale del Circeo.

Post Author: redazione